Avviso

TanoFesta-header

avviso al pubblico

Le eredi di Tano Festa e l’Archivio Tano Festa non hanno mai autorizzato la pubblicazione dei Signori Soligo e li hanno diffidati dal pubblicare una monografia sull’artista e da ultimo il Catalogo monografico sull’artista prima reclamizzato come: “Tomo II….” (come ad indicare che esso fosse la prosecuzione del Vol. Tomo I  realizzato da Francesco Soligo e pubblicato nel 1997 che era stato all’epoca a lui autorizzato dalle scriventi), mentre invece trattasi di realizzazione assolutamente autonoma e non ricollegabile al definito tomo 1. 

In seguito alla diffida da parte della SIAE Sezione Olaf – Arti figurative i Signori Soligo hanno cambiato il titolo in : “ Omaggio a Tano Festa”  dichiarando che esso era realizzato a titolo gratuito. 

In seguito a questa  pubblicità, ancorché modificata, veniva inoltrata un ulteriore diffida dal legale rappresentante delle eredi in data 9-12-2016, inviata a tutti coloro i quali figuravano come attori dichiarati sul sito dello Studio Soligo nella realizzazione di tale pubblicazione NON AUTORIZZATA, ed anzi al contrario, DIFFIDATA.

In seguito alla pubblicazione del volume in oggetto, nell’ottobre 2017, il volume è stato inviato a tutti i collezionisti i quali hanno pagato per l’inserimento delle loro opere al suo interno, con i costi commisurati a seconda della grandezza delle immagini, oltre che, gratuitamente, inviato a Case d’Asta, Gallerie , Istituzioni museali e Archivi allo scopo di reclamizzarlo diffonderlo ed “ufficializzarlo”.

Il volume è stato altresì presentato alla Fiera d’arte di Padova nel novembre 2016 dove risulta essere stato venduto al pubblico tramite la sola formalità di iscrizione all’Associazione Tano Friends, creata appositamente dai Soligo per realizzare tale operazione di pubblicazione e  di diffusione del medesimo. (Vi sono prove di soggetti che lo hanno ivi acquistato con tanto di ricevuta da parte della medesima Associazione. Il costo stabilito ammontava a 200 euro).

Il volume continua  a tutt’oggi ad essere venduto presso la Galleria Deniarte, sede della ridetta Associazione, tramite iscrizione alla stessa, al costo di 150/200 euro.

Quanto sopra è provato dalle  richieste inoltrate via mail da svariate persone inoltrate anche all’”Archivio Generale dell’Opera di Tano Festa” a cura dell’erede Anita Festa.

Il volume viene altresì utilizzato come fonte autorevole onde garantire e di conseguenza elevare il prezzo sul mercato, delle opere le cui immagini sono ivi riprodotte, nell’ambito di televendite di cui alcuni filmati sono stati reperiti e registrati.

La pratica inerente il volume NON AUTORIZZATO è ATTUALMENTE seguita dall’Ufficio legale della SIAE, anche se il danno a carico degli eredi Festa è già stato ampiamente perpetrato dato che, ad esempio, la G.A.M. di Roma lo ha addirittura inventariato all’interno della propria Biblioteca come strumento di verifica e consultazione, la cui bontà delle opere ivi contenute è ancora in fase di verifica da parte dell’ Archivio curato dall’ Erede di Tano Festa. 

Il volume, pare anche ad una semplice  e superficiale visone, poco attendibile sulla sua veridicità in merito ad un gran numero delle opere ivi pubblicate. 

Inoltre esso è stato regolarmente DENUNCIATO dalla Signora Anita Festa all’Autorità giudiziaria in data 30-01-2018 per il reato di violazione del D.D.A. , sia con riferimento alla riproduzione delle singole opere (artt. 12 e 13  L. 633/1941) sia alla loro raccolta (art. 18.3  L. 633 cit.).

 

 

EREDI TANO FESTA

ARCHIVIO TANO FESTA